Com’è noto, il legno è uno dei materiali preferiti dagli amanti di hobbistica e di faidate.
La ragione di tale preferenza è da attribuire alle caratteristiche di tale elemento naturale.
Il legno, infatti, è facile da lavorare, versatile e utilizzabile in infinite declinazioni, di toni e forme.
Nonostante questo, creare con questo materiale richiede una certa dose di impegno e conoscenza, se si desiderano buoni risultati finali.
Una breve documentazione iniziale potrebbe rivelarsi fondamentale, per imparare a conoscere le diverse tipologie di legno e, soprattutto, le molteplici tecniche da impiegare per una lavorazione ottimale.
Da Minimax a Sestu (CA), Ex SS 131 km 10,500, trovate una grande varietà di attrezzi per lavorare il legno.
Ogni cliente viene servito da un personale disponibile e qualificato, pronto a soddisfare dubbi e curiosità legate al settore.

Tipologie di legno

Chi si affaccia per la prima volta al mondo del faidate e, in particolare, della lavorazione del legno, deve sapere che ne esistono, in natura, differenti tipologie. Gli esperti del settore consigliano ai principianti di indirizzare le proprie attenzioni sul cosiddetto legname tenero, ovvero quello che per peso e durezza risulta essere il più facile da lavorare. Appartengono alla categoria l’abete, il castagno e il pino. Richiede tecniche più avanzate il trattamento di un legno più duro e resistente, lavorabile solo con l’impiego di strumenti adatti, da utilizzare con estrema padronanza e precisione. All’interno di questo secondo gruppo troviamo alberi come il rovere, la quercia ed il mogano. Tale grande distinzione si affianca ad un’altra scriminante molto importante nel settore, quella relativa alla destinazione del materiale, rispetto all’oggetto che si intende realizzare. Legni come il ciliegio ed il noce sono considerati estremamente pregiati, perfetti per essere impiegati nella creazione di mobili di altissimo valore. È ovvio che, prima di investire del denaro nell’acquisto di materiali di così elevato rilievo, è bene padroneggiare al meglio le tecniche indispensabili per lavorare il legno con buoni risultati.

Come procedere


Abbiamo già chiarito l’estrema importanza degli attrezzi giusti per poter creare col legno.Una buona dotazione è, infatti, tra i primari consigli degli esperti in materia.
Avere a disposizione un laboratorio o comunque uno spazio abbastanza ampio da garantire i movimenti, propri e del materiale, è sicuramente una buona base di partenza, per apprendere al meglio le tecniche per lavorare il legno.
Una delle operazioni più delicate è, senza dubbio, quella del taglio.
Non molti sanno che, pur scegliendo di operare su un materiale proveniente dalla stessa pianta, ogni singolo pezzo può rappresentare una sfida a sé, tanto da comportare più o meno difficoltà di taglio rispetto al pezzo precedente.
A prescindere dal legno, infatti, l’attenzione dell’hobbista deve concentrarsi sulle fibre, il cui senso fornisce una preziosa indicazione sulla tecnica di taglio.
A tal proposito, si sconsiglia ai principianti di intraprendere la strada del taglio perpendicolare.
Una volta pronte le varie parti, sarà possibile procedere all’assemblaggio, dopo una preliminare fase di levigatura considerata essenziale. 
Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito alle tecniche di lavorazione del legno, rivolgetevi allo staff di Minimax.
Chiamate il numero 070.6493160 per contattare gli esperti.